Menu

STRATEGIE DI ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

COME GESTIRE I COMPORTAMENTI PROBLEMATICI DEGLI ALUNNI

               Alcune tecniche utili per affrontare i comportamenti indesiderati degli alunni sono:

•Ignorare il comportamento problematico dell’alunno e rivolgere l’attenzione ai comportamenti positivi degli altri.
•Prestare maggiore attenzione ai comportamenti appropriati dell’alunno problematico.
•Rivolgere richieste o incarichi che fungano da diversivo all’alunno, prima che questi metta in atto un comportamento disturbante.
•Ricorrere ad affermazioni empatiche del tipo: “ Vedo che adesso sei molto infastidito, ne riparleremo in un altro momento”.
•Formulare richieste con fermezza in modo da comunicare la propria determinazione nel far rispettare i diritti degli altri alunni di seguire con tranquillità le attività di classe.
•Ricordare all’alunno che bisogna rispettare alcune regole in classe.
•Utilizzare messaggi in prima persona, cioè comunicare all’alunno come il suo comportamento influenzi lo stato d’animo dell’insegnante.
•Chiedere il “che cosa” invece del “perché” di un certo comportamento.
•Posticipare la soluzione del problema dell’alunno a fine lezione.
•Monitorare il comportamento, cioè annotare certi comportamenti per fornire all’alunno un riscontro visualizzabile di quanto spesso si verifichino certi suoi comportamenti indesiderabili.

               In alcuni casi può essere invece più indicato un monitoraggio dei comportamenti positivi che si desidera incrementare.

•Ricorrere a gratificazioni concrete, proprio perché tutti noi tendiamo a ripetere quei comportamenti che vengono rinforzati positivamente.
•Somministrare penalità con un atteggiamento sereno e non svalutativo.
•Allontanare l’alunno dall’immediata vicinanza degli altri compagni per evitare che il suo comportamento disturbante venga rinforzato dalle reazioni degli altri, e consentire all’alunno una pausa che gli permetta di estinguere la carica emotiva e recuperare un certo autocontrollo.

Go to top